Equipaggiamenti da campo

Recentemente, con l’intento di familiarizzare i nuovi soci con i nostri equipaggiamenti associativi, abbiamo pensato di fare un bell’inventario. Abbiamo scelto di farlo tramite foto su pinterest per avere chiaro di che oggetti si stesse parlando, dubbio che ogni tanto sorgeva davanti ad uno sterile elenco. Non è poi moltissima roba: un paio di tende e qualche attrezzo per il campo come...
readmore

Il Boccaccio che non ti aspetti

Assieme alla spada, l’elemento identificativo delle rievocazioni medievali è certamente l’armatura. Molti anni sono passati dall’esordio di questo tipo di eventi eppure ancora oggi tante armature vengono maltrattate dalle Alpi al fondo dello Stivale. Motivo: (più che una causa, una scusa) non esiste un documento italiano che spieghi come montare un’armatura nel periodo rievocativo più in...
readmore

Scarpine da bambino

Nel caldo estivo non c’è nulla di più rilassante che dedicarsi a qualche progetto ricostruttivo! Così ho pensato di mettere insieme un paio di scarpe per il mio bimbo di un anno e quattro mesi, Leonardo. Al solito, per la parte di “ricerca e sviluppo”, ho fatto riferimento all’ottimo Footwear of the middel ages di I. Marc Carlson sito in inglese molto dettagliato e ricco...
readmore

Questo è un ucco

Per la precisione: l’ucco di Irene. Nell’articolo precedente Irene vi ha raccontato dell’epopea che ha passato per portare a termine questo indispensabile pezzo di guardaroba medievale. Qui invece potete ammirarlo nelle fasi finali del ricamo e indossato, in versione squisitamente medievica. A guardare bene i ricami da vicino si capisce immediatamente l’influenza positiva che...
readmore

Irene e gli aghi nelle dita: prove di cucito.

La via che porta ad avere un ucco figo è lunga e tortuosa, ma comunque affascinante. Occorrente: 1,50mx1,50m di Lana, 1,50mx0,90m di seta grezza, chilometri e chilometri di filo di seta bordeaux e giallo. Aghi, spilli a volontà, un tombolo, carta da giornale, un pennarello, una matita, un righello, gesso. La miccia da cui è partita quest’esplosione di idee è stata una fotografia vista sul sito...
readmore

Il cappello frigio

Questo articolo è già apparso per intero sul mio blog personale, Esplosione Cambriana, ma ho deciso di riportalo qui per intero, aggiungendo anche la bibliografia ed espandendo un paio di concetti relativi alla sua costruzione. Conosciuto volgarmente anche come “cappello dei puffi” a causa dei famosi omini blu, apparentemente incapaci di vivere senza, il frigio è un tipo di copricapo...
readmore

Tasca da Donna

Una delle parti più interessanti di un progetto è (a parer mio) l’enorme quantità di cose che si può imparare nel solo tentare di realizzarlo. Ci sono dei momenti nella fase meramente progettuale che si mettono (e alle volte si devono dare) per scontato solo per dovercisi sbattere il grugno contro nel momento stesso della sua effettiva messa in opera. Questo progetto che ho personalmente...
readmore

Intervista con l’autrice: Sara Piccolo Paci e i costumi storici dal Mille al Cinquecento

Spesso nel tentare di realizzare un abito, sia esso per un contadino un mercenario, una nobildonna o uno schermidore alla moda come quello qui a fianco, ci si arena davanti ad alcuni particolari di difficile realizzazione. E questa difficoltà l’abbiamo spesso vista tradotta in risultati non sempre eccellenti. Sicuramente nella mite penisola ciò è in parte dovuta alla scarsezza di pubblicazioni...
readmore

Cappello a punta

La forma di questo cappello nell’immaginario comune evoca la figura di Robin Hood. Mito a parte questo tipo di copricapo era molto diffuso nel XIV sec. L’ho scelto perché slanciato e molto adatto alle giornate assolate, oltre che per una provocazione personale contro lo stereotipo che lega questo copricapo al leggendario ladro inglese. Note: Feltro, 97 grammi
readmore

Cappuccio

Questo cappuccio con decoro sulle spalle può essere considerato il “padre” dello Chaperon. Forse uno dei copricapi più classici del periodo medievale, raffigurato in decine di dipinti dell’epoca.  Per personalizzarlo e distinguerlo oltre che utilizzare un colore sgargiante come il rosso l’ho voluto impreziosire con un campanello sulla lunga coda. Un dettaglio che decisamente...
readmore
line
footer
Powered by Wordpress | Designed by Elegant Themes