17 anni per uno sparring kit completo

Agli inizi del mio personale percorso nelle arti marziali storiche (anno 199x) l’unica protezione richiesta erano un paio di guanti in pelle da lavoro. Da allora, fortunatamente, si è fatto molto nel nostro ambito per approdare a soluzioni che siano soddisfacenti e funzionali.

Qualche tempo fa vi ho raccontato della pregevole giacca da scherma prodotta da Spes denominata Hussar alla quale ho finalmente abbinato i relativi bragozzi ed un paio di fantstici parastinchi da inserire al di sotto di un paio di lunghi calzini e, tra il molto equipaggiamento che oggi si può scegliere, posso dire finalmente di essere abbastanza soddisfatto dal mio attuale kit composto da:

Maschera PBT 1600N level 2 120€ <<al momento indisponibile sul sito pbt

Ne ho provate diverse, questa della pbt ha una forma che dà abbastanza spazio al volto all’interno della maschera e la forma permette alle punte di scivolare via dal viso. Inoltre si combina perfettamente alla trinity.

Paranuca Spes Trinity 70€

Pesante come una nave, questo paranuca integrato, associato alla robusta maschera della pbt, diventa un unico bersaglio ben protetto e con una certa massa, cosa da non trascurare se prendiamo in considerazione colpi dotati di una certa personalità. La protezione aggiunta alle clavicole e alla trachea mi permette di non utilizzare la gorgiera che mi è insopportabile e scomoda. Della trinity cambierei solo i materiali, che mi piacerebbero analoghi a quelli della hussar e mi spiace non abbiano mai pensato, nemmeno nei nuovi modelli, a chiudere lo spazio ai lati della nuca con un soffietto. Anche così è per me insostituibile.

 Bandana

La bandana è uno straccetto fantastico per due motivi: il primo è che se ne trovano di ogni genere e tipo, non ci sono problemi a trovarne una spiritosa o che si accordi alle nuances del vostro strepitoso calzino cangiante, ed il secondo, e più importante, è che risparmia agli interni della maschera gran parte del sudore allungando la vita operativa della maschera.

Club tshirt 😀

Sappiatelo: dentro tutta questa eleganza nera con finiture grigie e blu c’è una torre spezzata in campo bianco. O forse qualche buffa maglietta motivazionale tipo quella con il gattino e la scritta “voglio crederci”

Conchiglia Leone 10€

Il mio sospensorio preso in prestito dalla pugilistica è piccolo e sagomato, perfetto per essere indossato e scordarsi di lui indipendentemente dal passeggio. Inoltre essendo rigorosamente nero può essere indossato alla veloce sopra un paio di pantaloni da ginnastica leggeri senza per questo sembrare un drugo da arancia meccanica.

Giacca Spes Hussar 350€

Ho già speso molti caratteri su questa giacca. Volendo ricordarne i punti salienti: le protezioni integrate ed in particolare quelle di braccia e gomiti, il tessuto a 800N, il taglio che permette di sollevare le braccia e di far rimanere la giacca dove dovrebbe.

Guanti Sparring Gloves 150€

Esistono dei tentativi di fare guanti con dita separate sia in casa sparring gloves che nella neonata saint mark: entrambe le soluzioni appaiono, per motivi diversi, ancora non ottimali. Questi che possiedo sono gli unici guanti che ad oggi diano una considerevole affidabilità nel proteggere la mano a discapito di una generosa quantità di mobilità e destrezza. Rappresentano l’unica parte del mio equipaggiamento che butterei volentieri fuori dalla finestra se soltanto ci fosse una soluzione altrettanto affidabile e che mi permetta di usare le mani per esprimere meglio la mia scherma.

Pantaloni Spes Hussar 139€

Di pantaloni con le tasche piene di piastre per distribuire ed attutire gli impatti se ne trovano diversi ormai e sono tutti più o meno simili. Questi hanno un taglio molto largo e comodo e le ginocchia particolarmente imbottite per fornire un buon supporto al ginocchiello rigido da comprare a parte. Senza dimenticare il tessuto a 800N.

Ginocchio Spes 18€

Ho valutato anche delle alternative articolate ma alla fine il ginocchiello rigido spes fa il suo lavoro, protegge anche i lati del giocchio, sta in posizione senza spostarsi eccessivamente e se lo fa torna anche al suo posto. Non ha costi inaccessibili e tutto sommato non gli si può rimproverare nulla.

Parastinchi GRAYS g500 13€

Dei parastinchi da hockey: costituiti da una membrana di neoprene ricoperta da plastica dura. I fori d’areazione sono totalmente inutili poichè il neoprene fa effetto ventosa e non permette allo stinco di respirare. Una volta indossati e coperti da un lungo calzettone stanno al loro posto e ci si dimentica di averli grazie ad un ingombro ridotto. E fanno discretamente il loro compito di distribuire ed assorbire l’impatto.

calzettoni lunghi Kipsta 3 €

Il calzettone da calcio alto è importantissimo proprio perchè se fosse basso i poveri parastinchi non potrei indossarli e il colore del calzino è determinante per accordarsi ai miei sparring gloves neri e blu. Stilosissimi.

scarpe adidas taekwondo (link indicativo ad una scarpa simile) 60€

La mia è una calzatura minimale, che mi obbliga ad usare l’avampiede negli appoggi, con una suola bassa ed uniforme. Molti usano scarpe da scherma o da ginnastica che hanno maggiore ammortizzazione sul tallone, personalmente le trovo un impiccio posturale oltre che un orrore biomeccanico. Voglio una suola bassa e rigida per avere maggiore contatto con il suolo e trasferire meglio la forza dei miei movimenti.

Conclusioni:

Il kit così composto, senza prendere in considerazione il costo delle eventuali spedizioni, è di poco superiore ai 930€, probabilmente per averlo consegnato a casa in ogni sua parte ho facilmente superato i 1000€. Se nel 199x avessi saputo che non bastavano un paio di guanti da lavoro in pelle probabilmente mi sarei spaventato all’idea di un simile investimento per avere un kit funzionale. Oggi però si possono programmare con consapevolezza gli acquisti per mettere insieme un buon equipaggiamento personale nel corso di due o tre anni il che non lo vedo come un pessimo scenario.

Tag: , ,

CommentLuv badge

line
footer
Powered by Wordpress | Designed by Elegant Themes