Palio di San Donato, festa in tre piazze.

08/05/2008 0 Di Alessandra

Tratto dal Messaggero Veneto del 08 maggio 2008

Un’edizione tematica, imperniata sulla figura di Fiore de’ Liberi, e triplicazione degli spazi di spettacolo, utilizzando – oltre alla consueta cornice di Piazza del Duomo- anche Piazza San Francesco e Piazza Paolo Diacono: sono le due principali idee alle quali sta lavorando il comitato promotore del Palio di San Donato, l’appuntamento di maggior richiamo nel corso dell’anno cividalese, che il prossimo agosto potrebbe annoverare parecchie novità.

Il condizionale è d’obbligo perché le proposte dovranno essere vagliate da tutte le associazioni di borgo e dai gruppi storici (armigeri, arcieri, comparse) che contribuiscono alla predisposizione dell’evento: quel che è certo è che la manifestazione continua a crescere, cercando di adeguare la propria offerta al numero sempre maggiore di turisti che popola la città nelle giornate della kermesse. L’attività di carattere promozionale è partita da oltre un mese: “La grafica, per manifesti e volantini pubblicitari, è la stessa degli anni scorsi- spiega l’assessore al turismo Pieralberto Felettig-: abbiamo deciso di optare per la linea della continuità, in modo da consolidare sempre più l’immagine del palio. I cambiamenti, o meglio le aggiunte, dovrebbero invece interessare il programma della festa. Un’importante novità consiste nel fatto che vorremmo dare un sottotitolo al Palio 2008, dedicando l’evento al cividalese Fiore de’ Liberi, maestro di scherma vissuto tra il 1350 e il 1420 circa. Siamo partiti dalla considerazione che la manifestazione si evolve e si arricchisce di edizione in edizione: il settore della “comunicazione” relativa alla circostanza, dunque, deve adeguarsi a questo trend, e il sottotitolo punta proprio in questa direzione.

L’idea è di focalizzare l’attenzione, anno dopo anno, su un elemento diverso. Per l’agosto 2008 avremmo optato, così, per un incremento degli spettacoli di scherma antica, in collaborazione con la Compagnia de’ Malipiero di Udine”. La crescita delle proposte renderà necessario l’utilizzo di nuovi spazi nel centro città: se il progetto andrà a buon fine, quindi, il prossimo Palio di San Donato dovrebbe registrare appuntamenti in tutte e tre le principali piazze cittadine, aggiungendo a Piazza Duomo i contesti di Piazza Diacono e Piazza San Francesco. “Un tanto- rimarca Felettig- per incrementare i servizi in ragione, appunto, dell’altissimo numero di visitatori che la manifestazione richiama in città”. Le giornate di manifestazione saranno tre: si inizierà già venerdì sera, pure in questo caso con una novità. Si vorrebbe infatti trasformare la conferenza di apertura in un evento animato, all’aperto- in Piazza Duomo-: il tema sarebbe quello di Fiore de’ Liberi; la “teoria” spetterebbe ad uno speaker, la “pratica” agli schermidori. Si vorrebbe inoltre posticipare lo spettacolo dei fuochi d’artificio a mezzanotte.

Alessandra