Chiusura stagione indoor 2010-2011

Chiusura stagione indoor 2010-2011

01/06/2011 9 Di Giorgio Fonda

Con ieri sera gli allenamenti in palestra, per questa annata, si sono conclusi. Sembra quindi doveroso tirare le somme di questo ciclo di lavoro. Tecnicamente gli argomenti trattati sono stati molti e alcuni piuttosto complessi. Sicuramente ci sono state delle difficoltà ad assorbire le complesse stucke di Lignitzer o gli articolati ludus di Lutegerus. Così come alcuni passaggi del bastone di Meyer sono ancora piuttosto nebulosi. D’altro canto siamo riusciti a proporre tutti gli argomenti che ci si era prefissati. Quest’anno poi, la parte di preparazione atletica si avvicinava di più alla fatica di un marinaio ubriaco sul ponte di una nave di corsari piuttosto che alla delicata preparazione di un budino al caramello.

Abbiamo affrontato diversi stati dolorosi, come il mal di mandibola, di ginocchio, di schiena, di denti, di addominali, di caviglia, di polso, di collo, di faccia; ed alcuni problemi logistici come le affluenze a singhiozzo, la debosciatezza a singhiozzo ed il singhiozzo.

Abbiamo accettato come gioia e dolore nelle nostre routine di allenamento i kettlebell e la flowbag, sebbene la coxofemorale di alcuni stia ancora cercando di conoscere sé stessa. Abbiamo sperimentato i colpitori, il quadrato del Meyer, ed il tabata.

Insomma si è sperimentato, migliorato e perfezionato il metodo. E quando in palestra le persone assomigliavano di più ad esseri senzienti che a zombie sembrava anche di essere in una fechtshule seria.

La serietà di una fechtschule che trasuda.

Chiaramente i nostri progetti estivi e quelli su più lungo periodo sono, seriamente, una pila alta così. Ma se ne parla alla prossima occasione!

Leonardo segue la lezione di bastone Meyerita di Franz con grande concentrazione.