Un palio bis per l’epifania

22/08/2006 0 Di Alessandra

Tratto dal Messaggero del 22 agosto 2006 articolo di Lucia Aviani

Duelli e spettacoli per rilanciare la messa dello spadone. Prevista una consulta per programmare nuove iniziative.

L’enorme successo del Palio di San Donato, che ha fatto toccare il record assoluto-secondo le prime stime, effettuate sulla base delle consumazioni nei locali pubblici- delle 40 mila presenze, “dovrà diventare, nei prossimi anni, una costante per Cividale” se non accrescersi ulteriormente. Calato il sipario sulla kermesse medievale che da venerdi a domenica ha blindato all’accesso delle auto l’intero centro storico cittadino, l’amministrazione- organizzatrice dell’evento, in sinergia con l’Associazione Studi Storici e con le varie associazioni di borgo- guarda già all’edizione 2007 ma anche alla tradizionalissima rievocazione del 6 gennaio.

Sull’onda del grande riscontro di pubblico ottenuto dal Palio si pensa, infatti, di promuovere un rilancio delle celebrazioni epifaniche cividalesi che negli ultimi anni hanno accusato segni di fiacchezza. Nel contempo, si intende lavorare per potenziare sempre più quello spirito di borgo che, inaspettatamente, è rifiorito dal nulla in un brevissimo arco di tempo, e che rappresenta l’anima e il motore del Palio di San Donato. “La manifestazione ha dimostrato di piacere sempre di più ai cividalesi-commenta il sindaco Attilio Vuga- ormai non si conta il numero dei cittadini che l’hanno vissuto da autentici protagonisti, ovvero in costume. E’ un obiettivo importante, che non credevamo di poter raggiungere così in fretta: in soli sei anni il Palio è tornato ad essere una tradizione, un appuntamento che sta a cuore alla popolazione. Mai come in questa edizione, che ha ottenuto un successo anche superiore alle aspettative, il coivolgimento dei borghi era stato così forte: la competizione tra le 5 borgate non si è limitata alle gare di corsa e di tiro con l’arco ma si è estesa anche agli allestimenti medievali, numerosissimi. Tutto ciò, unito ai maggiori sforzi dell’amministrazione a livello di promozione, ha giocato a favore dell’afflusso di pubblico, davvero altissimo. Esprimo un sentito ringraziamento a tutti coloro che hanno contribuito al successo del Palio, a partire dai cividalesi in costume”.

Per il futuro, dunque, duplice obiettivo: proseguire sulla strada imboccata, favorendo un sempre maggior radicamento dello spirito di borgo e, magari, predisponendo un ulteriore arricchimento del programma della festa, per quanto riguarda il Palio; dall’altro lato risollevare le sorti dell’Epifania cividalese, prendendo spunto dalla formula del Palio adattata alla diversa stagione. “Sarà bene che, nei prossimi mesi, l’amministrazione, l’Associazione Studi Storici e le associazioni di borgo si incontrino in una sorta di consulta- sottolinea Vuga- per verificare l’opportunità di organizzare, durante la manifestazione del 6 gennaio, qualche spettacolo di contorno sul modello del Palio capaci di ridestare l’attenzione del pubblico nei confronti di questo significativo appuntamento”.

Festeggia intanto Borgo San Pietro, vincitore del Palio di San Donato 2006 con 29 punti complessivi: i campioni della borgata si sono imposti-in ordine di classifica- su Borgo Duomo (19 punti), Borgo di Ponte (16 punti), Borgo di Brossana e Borgo San Domenico, che hanno chiuso la sfida a pari merito, con 10 punti.

Alessandra.