L’arte di spada e brocchiero: glossario della terminologia di Liechtenauer

L’arte di spada e brocchiero: glossario della terminologia di Liechtenauer

21/12/2009 0 Di Francesco Lanza

Ho radunato in questo post alcuni dei termini utilizzati da Andre Lignitzer nei suoi brani, allo scopo di aiutarne la comprensione. Questo glossario è considerato un work in progress e potrebbe essere modificato quando verranno analizzati i singoli brani. Si trovano altri termini utili (per quanto non immediatamente rilevanti al nostro caso specifico) sul glossario da noi dedicato al manoscritto 3227a.

Bloessen: “Aperture”. Le aperture altro non sono che bersagli scoperti e potenzialmente feribili. Spesso si fa riferimento ad aperture “alte” o “basse”  queste due definizioni tendono ad individuare quei bersagli al di sopra o al di sotto dell’arma avversaria o ancora meglio del gruppo mani. Più generalmente vi sono quattro aperture possibili in cui si divide il corpo dell’avversario: alta a destra; alta a sinistra; bassa a destra; bassa a sinistra. Se un avversario usa la propria arma per coprire un’apertura, necessariamente ne scoprirà un’altra. E’ nel puro stile della scuola di Liechtenauer attaccare un’apertura e sommergere quanto più velocemente possibile l’avversario andando ad assediarne un’altra.

Filo corto: dagli italiani è chiamato filo falso, ovverosia il filo della lama rivolto verso l’avambraccio.

Filo lungo: dagli italiani è chiamato filo vero, ovverosia il filo della lama rivolto verso le nocche.

Mezza Spada: afferrare con la mano sinistra la lama della propria spada.

Mittelhau: un colpo orizzontale, normalmente vibrato all’altezza del collo o del petto, generalmente di filo lungo.

Oberhau: qualsiasi colpo vibrato dall’alto. Va puntualizzato che un Oberhau non è limitato a colpire le zone alte dell’avversario, può scendere anche sulle gambe (per esempio).

Scheitelhau: lett: “colpo che divide”. Un Oberhau centrale vibrato mantenendo alta la mano.

Sturzhau: un colpo dall’alto vibrato con il filo corto. Inizia come un regolare Oberhau, ma si volta la spada durante il colpo.

Twerhau [=Zwerchau]: un mittelhau vibrato all’altezza delle tempie, usato anche per impedire i colpi dalle guardie alte. Nella spada lunga si utilizza generalmente il filo corto colpendo da destra ed il lungo colpendo da sinistra, per quanto nulla impedisca di usare sempre il filo vero. Nella spada e brocchiero qualcuno ha detto che si dovrebbe usare sempre il filo lungo per generare abbastanza forza con un’arma da una mano sola. Nel messer di Lecküchner, però, si usa senza problemi il filo corto ed è un’arma da una mano.

Unterhau: qualsiasi colpo vibrato dal basso. Va puntualizzato che un Unterhau non è limitato alle zone basse dell’avversario, teoricamente nulla impedirebbe di colpire il mento (per esempio).

Winden: lett. “rotazione”. Una manovra rotatoria con la spada attuata allo scopo di colpire l’avversario di punta attraverso il legame di spada, di proteggere una delle quattro aperture oppure di guadagnare una posizione favorevole contro la lama avversaria (angolo, leva, ecc…).

Wechselhau: letteralmente “colpo che cambia”. Una tecnica che non viene descritta da Lignitzer, ma che può essere dedotta dal contesto del Ringeck, uno dei testi che contengono queste stuck sulla spada e brocchiero. Il testo infatti accenna allo streichen, colpire dal basso di filo falso, deviando così la lama dell’avversario. Il colpo probabilmente “cambia” perchè è preceduto da un oberhau che scende fino al fianco sinistro, dal quale la lama rimonterà per intercettare il colpo del nemico.